La spalla ha una gamma più ampia e più varia di movimento rispetto a qualsiasi altra articolazione del corpo. La nostra spalla ci permette di fare tutto, da dare la vernice a giocare a basket, ma questa flessibilità la rende anche una delle articolazioni più instabili di tutto il corpo.

 

anatomia della spalla

Il giunto delle spalle non è tenuto in posizione attraverso le ossa, ma piuttosto attraverso un elaborato sistema di muscoli, tendini e legamenti. Le persone maggiormente a rischio per problemi di spalla sono atleti o lavoratori con movimenti “sopra la testa” – nuotatori, lanciatori, pittori e lavoratori edili.

La spalla non è un singolo giunto, ma una complessa disposizione di ossa, legamenti, muscoli e tendini meglio chiamata “cingolo scapolare”. La funzione primaria del cingolo scapolare è quella di dare forza e gamma di movimento al braccio. Il cingolo scapolare comprende tre ossa: la scapola, la clavicola e l’omero.

Ci sono tre giunti nel cingolo scapolare.

  • Un giunto è dove la testa dell’omero si articola all’interno della cavità glenoide della scapola, chiamata articolazione gleno-omerale che comprende i legamenti, i tendini e i muscoli attaccati a queste due ossa.
  • Il giunto acromioclavinico (A / C Joint) comprende i legamenti, i tendini e le ossa in cui il processo acromiale si unisce alla clavicola.
  • Il terzo giunto è l’articolazione sternoclavicolare che si forma dove lo sterno si unisce alla clavicola.


Termini Anatomici

I termini anatomici ci permettono di descrivere il corpo in modo chiaro e preciso. Un medico al paziente può dire “il suo ginocchio fa male” ma in altre circostanze deve dire “il suo ginocchio fa male nella regione anterolaterale” e un altro medico saprà esattamente cosa si intende.

Di seguito sono riportati alcuni termini anatomici che si applicano a questa zona del corpo:

  • Anteriore – il lato addominale della spalla
  • Posteriore – il lato posteriore della spalla
  • Mediale – il lato della spalla più vicino alla colonna vertebrale
  • Laterale – il lato della spalla più lontano dalla spina dorsale
  • Abduzione – allontanarsi dal corpo (sollevare il braccio)
  • Adduzione – spostarsi verso il corpo (abbassando il braccio)
  • Prossimale – localizzato più vicino al punto di attacco o riferimento o centro del corpo
  • Distale – situato più lontano dal punto di attaccamento o di riferimento, o centro del corpo
  • Inferiore – situato sotto, sotto o sotto; superficie inferiore

Anatomia della spalla

Se si pensa alla spalla in strati, lo strato più profondo è l’osso, poi i legamenti della capsula articolare e i tendini e i muscoli sono in cima. Nervi e vasi sanguigni riforniscono i muscoli e le ossa di questa zona. I nervi trasportano segnali dal cervello ai muscoli per spostare la spalla e trasportano segnali dai muscoli al cervello per il dolore, la pressione e la temperatura.

 

Le articolazioni della spalla

Si forma una giuntura dovesi incontrano due o più ossa. Ci sono tre giunti cingolo scapolare:

  • l’articolazione gleno-omerale è un giunto a sfera dove l’omero incontra il glenoide sulla scapola; questa giuntura è nota come spalla.
  • l’articolazione acromioclavinosa è un giunto di scorrimento dove il processo acromiale sulla scapola si collega all’osso del collare (clavicola)
  • l’articolazione sternoclavicolare è un doppio giunto di scorrimento tra lo sterno (petto) e la clavicola

 

L’articolazione gleno-omerale forma ciò che la gente comunemente pensa come la spalla ed è la più importante delle articolazioni. Il legame gleno-omerale collega l’omero (braccio) con il torace (torace). La stabilità del giunto gleno-omerale dipende dal mantenimento della testa umorale centrata nella fossa glenoide sulla scapola. L’omero è tenuto in posizione con legamenti, tendini e muscoli anteriori, principalmente i muscoli e i tendini della cuffia rotatoria.

Cuffia dei Rotatori

La cuffia dei rotatori è costituita da quattro unità muscolo-tendine che derivano dalla scapola e si collegano alla testa dell’omero. Il ruolo della cuffia dei rotatori è quello di mantenere la testa dell’omero centrata nella fossa glenoide per tutta la gamma dei movimenti della spalla.

La cuffia dei rotatori è lo stabilizzatore primario durante il movimento del giunto gleno-omerale. Sia l’uso eccessivo che le lesioni traumatiche alla cuffia dei rotatori sono i problemi più comuni nel cingolo scapolare.

Lo spazio subacromiale

Lo spazio subacromiale è sotto l’acromione e sopra il la cuffia dei rotatori. La borsa subacromiale descrive questo spazio e fornisce la scivolamento senza frizione della cuffia dei rotatori sotto l’arco formato dall’acromione e dall’articolazione sottoacromione-coracoidea.

Ossa del Cingolo Scapolare

Le ossa del cingolo scapolare includono l’omero, la scapola e la clavicola. Ci sono quattro articolazioni (movimenti) nella spalla denominati per le loro posizioni anatomiche:

  • coracoclaviculare
  • acromioclaviculare
  • glenoo-coramerale
  • coracoacromiale

Legamenti della Spalla

Ci sono diversi legamenti importanti sul cingolo scapolare. I legamenti sono strutture molli che collegano le ossa alle ossa. I legamenti sono forti bande che non sono particolarmente flessibili. Una volta allungati, tendono a restare stretti e, se allungati troppo, si rompono.

I legamenti, insieme ai muscoli e ai tendini, sono la principale fonte di stabilità per la spalla. I legamenti delle spalle formano anche la capsula articolata che circonda il giunto glenoalumale.

Questi stabilizzatori passivi servono a mantenere le articolazioni della spalla ed evitare la dislocazione. Alcuni dei legamenti principali sono l’acromioclavicolare, la coracoclavicolare e la coracoacromiale.

Quando viene lesionato, il legamento che attacca la clavicola all’acromione, il legamento acromioclavascolare, viene chiamato spalla separata. Due legamenti connettono la clavicola alla scapola attaccandola al processo coracoide: i legamenti coracoclavicolari e coracoacromi. Il coracoacromiale impedisce la dislocazione verso l’alto della spalla.

Muscoli e Tendini della spalla

I muscoli della schiena, del collo, del petto e del braccio lavorano insieme per sostenere e spostare la spalla. Uno dei più importanti è il deltoide.

I tendini sono strutture elastiche, morbide e connettive che collegano i muscoli all’osso. I muscoli spostano le ossa tirando sui tendini. I tendini della cuffia dei rotatori sono un gruppo di tendini che collegano lo strato più profondo dei muscoli all’omero.

I muscoli e i tendini della cuffia dei rotatori controllano la nostra capacità di alzare il braccio dal nostro fianco (abduzione).

Ogni muscolo della spalla assiste le azioni con movimenti specifici. Il gruppo muscolare profondo che la sposta  sono i muscoli e i tendini della cuffia dei rotatori. Mantenere la testa dell’omero all’interno della fossa glenoide è la funzione primaria dei muscoli della cuffia dei rotatori. Questo importante gruppo di muscoli si trova appena fuori dalla giunzione glenoalumale e aiuta a ruotare la spalla in molte direzioni.

I muscoli della cuffia dei rotatori includono:

  • sovraspinato
  • infraspinato sottospinato
  • piccolo rotondo
  • sottoscapolare

I muscoli della cuffia dei rotatori sono i muscoli più spesso coinvolti nella riabilitazione delle spalle.

Il tendine del bicipite è attaccato al muscolo del bicipite e corre dall’omero attraverso la parte anteriore della spalla al glenoide. Il tendine del bicipite si attacca al glenoide e diventa parte del labbro. Il tendine del bicipite può causare problemi se è danneggiato e tirato via dal suo attaccamento al glenoide.

Problemi della spalla

  • Degenerazione acromioclavinica
  • Separazione congiunta acromioclavinica
  • Spalla congelata
  • Artrite-reumatoide
  • Tendinite calcifica
  • Sindrome cervicobrachiale
  • Fratture
  • Borsite
  • Crescita o tumori benigni o maligni (neoplasie)
  • Spasmo muscolare
  • Necrosi (morte cellulare o tissutale)
  • L’osteoartrite
  • Sindrome dolorosa d’arco
  • Lesione o rottura della cuffia dei rotatori
  • Instabilità della spalla
  • Sindrome del sovraspinato
  • Deformità di Sprengel